Indietro
23.11.2020

42esima edizione di Dakar si conclude con il trionfo di Honda

Per la prima volta in Arabia Saudita, la 42esima edizione di Dakar ha affronanto il regno della sabbia il quale  ha messo a dura prova i veicoli concorrenti, con solo 237 su 342 dei veicoli partecipanti hanno terminato il rally. Il pedaggio sui veicoli di supporto è stato meno drammatico con tutti i camper Adria che hanno attraversato l'avventura indenni.
 

La 42a edizione della Dakar ha portato i concorrenti dalle rive del Mar Rosso a Jeddah, attorno ai canyon e alle montagne della parte occidentale del paese, oltre le dune del Empty Quarter, fino al traguardo vicino alla capitale Riyadh.

Al traguardo, il motociclista americano Ricky Brabec ha posto fine alla siccità di 31 anni della Honda, portando al termine il dominio del team KTM di 18 vittorie consecutive dal 2001. Nessun americano aveva mai vinto il più grande raid di rally sulla Terra prima d'ora. Pablo Quintanilla ha portato il marchio della sorella della KTM, Husqvarna al secondo posto. Il campione del 2019, Toby Price della KTM, è salito sul terzo gradino del podio.

 

I camper Adria hanno dimostrato ancora una volta il loro valore per KTM, fornendo alloggi di supporto per tutta la tappa e coprendo quasi le stesse distanze dei piloti. La flotta di quest'anno comprendeva un Coral XL Plus 600 DP, un Matrix Supreme 670 SC, Matrix Axess 670 DK e un Sonic Plus 700 SL. Tutti i camper sono stati testati a livelli estremi ma sono tornati a casa indenni.

 

Cerca altre storie sulla Dakar su www.dakar.com e www.ktm.com

 

Foto: Rally Zone